lunedì 10 ottobre 2016

Lo scandalo della sicurezza: i dispositivi salvavita tutti optional e spesso solo per le grandi



Si parla tanto di dispositivi salvavita, ma quanti di questi sono davvero disponibili sui modelli più venduti? E quanti poi di questi dispositivi sono a pagamento? Questi gli interrogativi a cui dà una risposta l’ultima inchiesta della Dat-Italia, azienda leader in Europa nell'elaborazione dei dati dei listini, nella valutazione dell'usato e nei costi di ripristino in officina.

I risultati sono sorprendenti.  I costruttori di auto mettono a disposizione questi optional, ma solo per veicoli al di sopra dei 20.000 euro e quasi sempre a pagamento. E nell’analisi per tipologia di vetture la maglia nera va alle multispazio e le piccole monovolume per cui tali optional non sono neanche disponibili a pagamento. Fatto ancor più grave perché queste sono poi le tipiche auto da famiglia. Stesso discorso – purtroppo – anche per le vendutissime piccole.
Uno sguardo alla tabella della Dat-Italia vale più di mille discorsi: sono evidenziati in rosso gli optional non disponibili (N/D, neanche a pagamento).

“E chiaro che i costruttori di auto non fanno beneficenza e mettono a disposizione ciò che il mercato richiede – spiega  l’ing. Antonio Coppola, direttore generale di DAT-Italia – ma in ogni caso questi “accessori” dovrebbero far parte sempre della dotazione di serie. Una forte spinta alla diffusione di questi sistemi salvavita la stanno dando le assicurazioni che si stanno muovendo nel premiare con sconti sulle polizze gli automobilisti che acquistano veicoli più sicuri, ma c’è ancora molto da fare”.
Per ogni tipologia di auto l’inchiesta della Dat-Italia ha preso in considerazione le 5 auto più vendute nel 2016 ed è stata analizzata la presenza o meno degli optional “salva-incidenti” e relativi costi. E sono stati analizzati i principali congegni che permettono di vedere e farsi vedere meglio (fari ad alto rendimento, sensore luci, sensore di angolo morto) oppure che ci distolgono meno dalla guida (vivavoce) oppure che intervengono quando il pilota si distrae (lane assist ad esempio).