giovedì 10 agosto 2017

Tornano a crescere i prezzi delle auto - Analisi Dat-Italia


Inversione di tendenza nel mercato dell’auto: tornano a salire i listini delle auto nuove. Questa la sorpresa nei che arriva dall’analisi di DAT-Italia, società leader in Europa nel settore automotive, che dimostra come nell’ultimo anno ci sia stata un’apprezzabile ripresa dei prezzi delle auto nuove. Una probabile reazione al leggero incremento delle immatricolazioni dopo la caduta libera degli ultimi anni.

Dai dati dell’analisi DAT-Italia emerge come in alcuni casi (Ford Mustang, DR Zero, Toyota Aygo e Mini), gli aumenti siano stati superiore al 5%. Ma ci sono anche casi “virtuosi”, come quello della Ford Fiesta e dell’Opel Astra che hanno diminuito i prezzi.

L’inversione di tendenza dei listini deve in ogni caso far riflettere perché in altre occasioni, DAT-Italia aveva evidenziato come questi colpi di testa avessero portato ad una stagnazione nella vendita di veicoli nuovi. Stagnazione poi di difficile recupero. Inoltre i dati del 2016 ci dicono che gli scambi di veicoli usati (al netto delle minivolture) sono circa il doppio delle immatricolazioni. Cosa significa? Una cosa sola: c’è ancora troppa gente che trova i prezzi delle auto nuove un po’ alti per la proprie tasche...

“Prima di aumentare i prezzi – conclude l’ingegner Antonio Coppola, direttore generale DAT-Italia - bisognerebbe verificare se realmente la crisi si sta concludendo e fare i conti con l’effettivo credito al consumo per le famiglie. Se l’usato è ancora doppiamente appetibile rispetto al nuovo vuol dire che c’è ancora da lavorare. Nei prossimi mesi in ogni caso vedremo se la promessa crescita economica premierà anche la politica degli aumenti”.