giovedì 5 luglio 2018

Arriva l’estate, ma il climatizzatore in auto si vende ancora a caro prezzo


Incredibile ma vero. Ci sono ancora case automobilistiche che offrono il condizionare solo a pagamento. E parliamo del semplice impianto manuale, per capirci quello che si deve regolare con le manopole…

Questo il risultato dell’ultima analisi di Dat-Italia, leader nel settore automotive e specializzata in banche dati per le valutazioni dell’usato e calcolo dei costi di riparazione. Tante le marche che usano ancora questa politica commerciale. In prima linea ci sono i marchi francesi Renault – Dacia, CITROEN e Peugeot. Le CITROEN C3 Live, C3 Across Live e C1 Live in particolare obbligano al pagamento per il clima manuale. Sono circa 1.000 euro, ma parliamo di auto che costano tra i 12.000 ed i 16.000 euro (neanche tanto poco). Stessa politica anche sulle CITROEN Jumpy Atlante XS e M dove il clima manuale costa oltre 1.500 euro.

Vendere il condizionatore a parte è una politica diffusa: anche Nissan (Micra Visia), Hyundai (i10 Classic), Ford (KA+, B-Max +), Opel e persino la Volkswagen (up! Take up! e Polo Trendline) seguono la stessa politica.

“Fino a qualche anno – spiega l’ing. Antonio Coppola, direttore generale della Dat-Italia - le case automobilistiche offrivano alcuni optional di serie per non sminuire il prezzo delle auto. Adesso, nonostante la crisi si persegue la politica di aumento dei prezzi a tutti i costi. La finta ripresa delle immatricolazioni del 2017, drogata dai numeri delle autoimmatricolazioni (di società di noleggio e di concessionarie, per auto demo o km 0), ha dato il via agli aumenti piuttosto che ad incentivare le vendite. I risultati li stiamo vedendo con la frenata del mercato oppure con un nuovo boom di autoimmatricolazioni”.